è un servizio
Mega Italia Media

Quando crei un corso eLearning, uno dei dati che dovrai monitorare costantemente è il tasso di abbandono, cioè la percentuale di utenti che abbandona il corso prima di averlo completato.

Se da una parte il tuo obiettivo è quello di vendere i tuoi corsi, dall’altra dovrai infatti assicurarti che i corsi vengano completati dagli studenti. Un utente che non completa un corso è generalmente uno studente insoddisfatto che non solo non acquisterà altri tuoi prodotti, ma non parlerà bene del tuo brand compromettendo la tua reputazione.

La ricetta per ridurre i tassi di abbandono di un corso online è (apparentemente) molto semplice: ti basterà capire quali sono le cause che spingono i tuoi studenti ad abbandonare anzitempo il corso ed intervenire su di esse.

Per riuscirci, è fondamentale ascoltare i feedback dei tuoi studenti: prevedi un questionario di gradimento da sottoporre a tutti i learner, inclusi quelli che non hanno completato il corso, e analizza le risposte ricevute.

Allo stesso tempo, considerando che molti utenti decideranno di non compilare il questionario, potrà esserti utile consultare l’elenco delle più comuni cause di abbandono dei corsi eLearning e analizzare i tuoi corsi sotto questi punti di vista. A questo scopo, abbiamo raccolto qui di seguito i principali fattori che spingono gli studenti ad abbandonare un corso online prima di averlo completato.

Aspettative non realistiche sull’impegno richiesto

Questa è probabilmente la causa principale che spinge gli studenti ad abbandonare un corso online prima di averlo completato.

Un errore piuttosto comune quando si promuove un corso online è infatti quello di sottolineare l’assoluta facilità di fruizione, minimizzando l’impegno richiesto e il tempo necessario per completarlo. Ricorda: gli studenti devono essere da subito consapevoli degli sforzi necessari per completare il corso. Se offri loro delle aspettative non realistiche, si sentiranno sopraffatti dai contenuti e finiranno per rinunciare.

Dai loro un’idea della quantità di tempo stimata per completare i vari moduli, tenendo conto anche del tempo necessario per svolgere eventuali attività o test di verifica.

Per i corsi più lunghi, soprattutto se sono vincolati ad una data di scadenza, fornisci un’indicazione dell’impegno settimanale richiesto (ad esempio, 3 ore a settimana) e, se sono previste delle sessioni live, chiariscilo subito nella presentazione del corso.

Mancanza di supporto e scarsa comunicazione

Come abbiamo visto quando abbiamo parlato della solitudine dello studente online, per alcuni studenti un corso eLearning può essere fortemente straniante.

Ecco perché diventa importante favorire e incoraggiare la comunicazione. Come? Prevedi la presenza di un tutor che offra agli studenti supporto in caso di dubbi o difficoltà nella fruizione dei contenuti e integra nella tua piattaforma strumenti che favoriscano l’ interazione (contatti e-mail, bacheche, forum, chat in tempo reale, etc.) in modo che gli studenti possano confrontarsi tra loro e/o contattare facilmente docenti e tutor superando quella sensazione di solitudine tipica della formazione a distanza.

Mancanza di conoscenze preliminari

Che si tratti di competenze informatiche o di conoscenze preliminari su particolari materie, è necessario chiarire da subito quali sono i requisiti di cui lo studente deve essere in possesso per poter completare il corso con successo.

Un utente che si iscrive ad un corso per principianti e trova materiale didattico avanzato avrà inevitabilmente delle difficoltà a concludere il corso, al punto che potrebbe decidere di abbandonarlo prima del tempo.

Nella presentazione del corso, includi quindi una sezione dedicata ai requisiti richiesti ai partecipanti; solo così potai essere sicuro di attirare gli studenti giusti per il tuo corso.

Contenuti non pertinenti

Fai in modo che il tuo corso fornisca contenuti rilevanti e accurati, che possano essere realmente utili ai tuoi studenti. Assicurati che la presentazione del corso sia coerente con gli argomenti trattati e che descriva fedelmente l’approccio didattico adottato.

Se un corso promette di avere un approccio pratico ma fornisce solo contenuti teorici, gli studenti perderanno presto interesse e fiducia e tenderanno ad abbandonare il corso prima di averlo concluso.

Problemi tecnici

Fai in modo che la tua piattaforma LMS sia affidabile in modo da ridurre al minimo i possibili problemi tecnici e avere la garanzia di un’assistenza tempestiva. Non c’è nulla di più frustrante per uno studente di riscontrare problemi correlati alla funzionalità del corso.

Allo stesso tempo, assicurati di chiarire da subito quali sono i requisiti tecnici necessari per fruire del corso: tipologia di dispositivo, web browser, eventuale installazione di software esterni, tipologia di connessione a internet, etc.

Difficoltà di fruizione

La parola d’ordine di ogni corso online dovrebbe essere la facilità d’uso. Assicurati di offrire una navigazione chiara ed intuitiva e fai in modo che l’utente possa trovare facilmente ciò di cui ha bisogno: pulsanti di navigazione, materiali didattici, sezione “Aiuto” per ricevere assistenza e tutto ciò lo metta nelle condizioni di fruire facilmente dei contenuti offerti.


Tutte le News

DynDevice LMS consente alla tua azienda di fare formazione online in modo semplice ed efficace.

Con DynDevice puoi organizzare corsi di formazione elearning, aula o blended; farli fruire ai tuoi dipendenti da computer o da mobile; monitorare e documentare tutte le attività e i risultati didattici.

Numerose funzioni aggiuntive - come la creazione autonoma dei corsi, la gestione di una intranet aziendale, l’utilizzo di un ecommerce – possono essere attivate su richiesta.

Scopri come DynDevice LMS può aiutarti a migliorare la tua formazione aziendale.

ATTIVA LA TUA PIATTAFORMA ELEARNING